martedì 12 gennaio 2010

Regione straniera

(Update: Una nuova versione del grafico si trova quì.)

Il nord Italia, e la Lombardia in particolare, sono le regioni che hanno più bisogno degli immigrati per il lavoro
in fabbrica, nelle campagne o per l’assistenza agli anziani.
Eppure gli immigrati sono accettati solo fino a quando sono dentro il posto di lavoro e producono ricchezza.
Poi, finito il loro turno, si vorrebbe che scomparissero.
Tra ordinanze delle amministrazioni locali o semplici proposte ecco qualche esempio di come,
con timbri e carta da bollo, si sta legalizzando la segregazione razziale.



Alcuni esempi citati nell'infografica:
  • Adro (Bs) Premio di 500 euro ai vigili urbani per ogni clandestino individuato.
  • Alassio divieto di trasporto di mercanzia in borsoni e sacchi di plastica e di utilizzo di furgoni come deposito merce.
  • Alessandria La moschea viene chiusa perché i locali sono giudicati inidonei e privi del certificato di agibilità
  • Alzano Lombardo (Bg) incentivi economici alle nuove coppie ma solo se italiane.
  • Assisi, divieto di mendicare nei luoghi pubblici situati a meno di 500 metri da chiese ed edifici pubblici. L’ordinanza anti elemosina vige in diverse altre città, da Cesena a Savona, da Firenze a Roma.
  • Azzano Decimo (Pordenone). Divieto di burqa. Proposta di censimento dei residenti di fede islamica.
  • Brignano Gera d'Adda (Bg) Aiuti economici solo per i disoccupati italiani.
  • Cantù (Co) Un numero verde per segnalare la presenza di clandestini.
  • Capriate San Gervasio (Bg) Vietato di aprire kebaberie e call center in centro.
  • Caravaggio (Bg) Nozze agli stranieri solo se in possesso di un permesso di soggiorno e in grado di capire l’italiano.
  • Casalpusterlengo (Lo) La moschea viene chiusa per presunti abusi edilizi.
  • Cernobbio (Co) ispezione dei vigili urbani nelle case dei futuri sposi per accertare la pulizia di muri e pavimenti, e il perfetto funzionamento di docce, bagni e caldaie.
  • Cittadella (Pd) Residenza solo a chi ha un reddito di almeno 5000 euro all'anno e una casa con un minimo di metri quadri. Schedatura di tutti gli stranieri.
  • Coccaglio (Bs) Controlli anti immigrati in occasione del Natale: è’ la famosa operazione “White Christmas” (Bianco Natale).
  • Como. La moschea viene chiusa per “irregolarità edilizie”.
  • Crespano del Grappa (Tv) Cittadinanza solo a chi conosce l’italiano.
  • Drezzo (Como) Vietato il burqa in pubblico
  • Fermignano (PU) Vietato il burqa in pubblico
  • Firenze: Vietato trasportare merci in borsoni sacchetti di plastica e simili.
  • Gerenzano (Va). I cittadini sono invitati a non vendere o affittare casa agli stranieri.
  • La regione Lombardia nel 2007 impone vincoli sui "phone center", i centri dove si può telefonare e navigare in Internet:dalla toilette al parcheggio, alla metratura ecc. La Corte Costituzionale boccia la norma poiché limita il diritto alla libera comunicazione. Nel frattempo 250 esercizi di questo tipo hanno dovuto chiudere i battenti. E’ vietata la consumazioni di cibo sui marciapiedi vicini a rosticcerie, pizzerie d’asporto, gelaterie e kebaberie.
  • Lecco. Panchine più piccole per impedire ai barboni di dormire, divieto di sistemare giacigli nei luoghi pubblici e di chiedere l' elemosina in piazze e parcheggi
  • Lodi. Per impedire la costruzione di una moschea la Lega Nord versa sul terreno urina di maiale.
  • Lucca. Vietati ristoranti etnici nel centro storico
  • Magenta (Mi). La moschea viene chiusa perché giudicata abusiva.
  • Milano, (proposta) autisti di autobus e tram solo italiani. (proposta) vagoni della metropolitana riservati ai milanesi. Milano, autobus con le grate alle finestre vengono usati per rinchiudere gli extra comunitari che nei controlli sono trovati sprovvisti di documenti in regola. L’uso di questi ‘autobus galera’ verrà abbandonato dal Comune dopo qualche mese anche a seguito di polemiche.
  • Morazzone e Tradate (Varese) un assegno per i neonati esclusi quelli extracomunitari.
  • Ospitaletto (Bs) per diventare residente è necessario presentare la fedina penale.
  • Piacenza. La moschea viene chiusa per violazioni di norme edili e urbanistiche
  • Prato: Vietati ristoranti etnici nel centro storico.
  • Romano d'Ezzelino (Vi). I bambini extracomunitari sono esclusi dai bonus scuola.
  • Rovato (Brescia) Divieto per i non cristiani di avvicinarsi a meno di 15 metri dalle chiese.
  • San Martino dall'Argine (Mn). Il comune invita a denunciare la presenza di immigrati clandestini
  • Sanremo Vietato sedersi sulle panchine comunali per chi ha un’età compresa tra 12 e 60 anni.
  • Teolo (Pd) Cittadinanza solo a chi conosce l’italiano.
  • Tombolo (Pd) espulsione degli stranieri dopo 90 giorni di permesso.
  • Treviso, divieto ai negozi cinesi di esporre lanterne rosse. La provincia nega qualsiasi autorizzazione alla costruzione di moschee.
  • Varallo Sesia (Vercelli). Vietati burqa e burqini
  • Varese. La moschea viene chiusa per cambio di destinazione d’uso non autorizzato.
  • Venezia: Vietato trasportare merce in borsoni sacchetti di plastica e simili.
  • Verona, (proposta) ingressi separati sugli autobus. Vietato chiedere l’elemosina. Controllo sulla pericolosità sociale per chi chiede la cittadinanza.
  • Vicenza. Vietato sedersi sulle panchine per i minori di 70 anni
  • Voghera (Pv) Vietato sedersi in più di tre persone sulle panchine

Fonti:
Giuseppe Civati, Regione Straniera, Viaggio nell’ordinario razzismo padano, Edizioni Melampo, 2009.

Dal Corriere della Sera:

http://archiviostorico.corriere.it/2007/novembre/24/Verona_Ecco_norma_anti_romeni_co_9_071124114.shtml

http://archiviostorico.corriere.it/2009/novembre/22/Kebab_solo_con_polenta_case_co_9_091122013.shtml

http://archiviostorico.corriere.it/2000/novembre/24/Sindaco_lumbard_vieta_non_cristiani_co_0_0011245552.shtml

http://archiviostorico.corriere.it/2007/dicembre/07/Immigrati_azzardo_della_Lega_co_7_071207037.shtml



Dalla Stampa:

http://www.lastampa.it/redazione/cmsSezioni/politica/200808articoli/35475girata.asp

http://www.lastampa.it/redazione/cmsSezioni/cronache/200808articoli/35707girata.asp

http://www.lastampa.it/_web/cmstp/tmplRubriche/editoriali/gEditoriali.asp?ID_blog=25&ID_articolo=2932&ID_sezione=&sezione=



Da Repubblica e l'Espresso:

http://espresso.repubblica.it/dettaglio//2071788/&print=true

http://espresso.repubblica.it/dettaglio-local/la-lega-ai-musulmani:-qui-mai-moschee/2110320

http://milano.repubblica.it/dettaglio/parcheggi-gratis-e-benefit-per-giovani-coppie-ma-non-agli-stranieri-e-alle-coppie-di-fatto/1809651

Altri giornalii:
http://www.gazzettino.it/articolo.php?id=79772&sez=NORDEST
http://www.ilgiornale.it/milano/sfrattata_moschea_di_magenta/18-06-2008/articolo-id=269925-page=0-comments=1

http://www.tgcom.mediaset.it/cronaca/articoli/articolo447649.shtml

http://ilgiorno.ilsole24ore.com/lodi/cronaca/locale/2009/10/14/246561-chiusura_della_moschea_illegittima.shtml

La legge della regione Lombardia sui phone center.

Update
Il grafico è stato pubblicato sul blog di Pippo Civati e su quello del quotidiano Europa.

Update 2
Luca Sofri mi ha citato sul suo Wittgenstein.
Anche Debora "frangetta" Serracchiani.

29 commenti:

Francesca ha detto...

Capriate San Gervasio ha un "centro"? Incredibile

Giovanni ha detto...

Debora Serracchiani ha ripreso il tuo post. http://www.serracchiani.eu/2010/01/15/regione-straniera/

Gino Selva ha detto...

Grazie,Giovanni. Ho già fatto l'update del post.

Anonimo ha detto...

Fino a pochi anni fa cose del genere sarebbero state impossibili in città come Sassuolo, Lucca e Prato. Invece tra qualche anno probabilmente ci ritroveremo comuni leghisti al centro-sud.

Invece di parlare a sproposito di segregazione, voi che volete l'ingresso incondizionato in Italia di tutti i poveri del mondo, dovreste cambiare strategia perché con questa, negli anni, avete ottenuto esattamente l'opposto di quello che vi proponete: l'espansione sempre più forte della Lega Nord.

peperita_patty ha detto...

Ho letto con molto interesse la tua mappatura dell'Italia del Nord..che si sta trasformando in una jungla razzista, anche se in realtà ti vorrei far notare che il divieto di portare il burqa è da estendere a tutta l'Italia secondo il decreto legge 27 luglio 2005,n 144 in cui si ribadisce che:" è vietato l'uso di caschi protettivi, o di qualunque altro mezzo atto a rendere difficoltoso il riconoscimento della persona, in luogo pubblico o aperto al pubblico, senza giustificato motivo. è in ogni caso vietato l'uso predetto in occasione di manifestazioni che si svolgano in luogo pubblico o aperto al pubblico, tranne quelle di carattere sportivo che tale uso comportino.
Il contravventore è punito con l'arresto da uno a due anni e con l'ammenda da 1.000 a 2.000 euro.",quindi in quel caso mi sembra che l'ordinanza del sindaco sia del tutto inutile e sia semplicemente utilizzata come propaganda per far credere che ci sono persone che utilizzano il burqa anche se in una trasmissione tv,il sindaco stesso ha dichiarato che non ne ha mai visto uno nel paese...

La gente del nord ha sempre pensato di essere superiore in alcune cose rispetto al Sud Italia..ma in questo caso penso che il Meridione(fatti di Rosarno e Napoli esclusi) può insegnare al resto d'Italia cosa voglia dire convivenza pacifica..
Sono nata e vivo in un paese che attualmente ospita più di 40 etnie provenienti da tutte le parti del mondo..e non c'è mai stato alcun problema di questo genere.

Patrizia

Luigi ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Gioia Feliziani ha detto...

Grande post! grazie

dopolapioggia ha detto...

E ne mancano ancora: la Regione FVG ha abrogato nel 2008 la legge regionale sull'immigrazione (voluta Illy), che almeno un minimo di attenzioni poneva rispetto ai cittadini migranti. Inoltre sta portando avanti provvedimenti gravi che discriminano anche i cittadini europei, veneti, emiliani, pugliesi, etc rispetto all'accesso ai servizi regionali.

Luca T. ha detto...

Complimenti! Da diffondere assolutamente!

Ho una proposta da farti. Qui in Brianza stiamo tirando su uno spettacolo teatrale contro la Lega Nord. Che ne dici se apparisse questo cartogramma dell'orrore xenofobo?

pakistano ha detto...

hai svolto un lavoro notevole e lodevole, grazie.

Dario ha detto...

C'è un piccolo errore nella mappa: Alzano Lombardo è in provincia di Bergamo. Detto questo mi vergogno di essere alzanese.

esperimentotre ha detto...

Ottimo lavoro, complimenti!

Emanuele ha detto...

Mah, alcune cose sono tremende (urina di maiale, per dirne una). Altre sono solo comuni che fanno applicare le leggi (permesso di soggiorno per sposarsi, permessi edilizi, viso coperto in luogo pubblico).
Il problema e' che se le leggi non vengono fatte rispettare in generale, quando salta su uno un po' severo sembra un arbitrio. Il vero arbitrio e' "dimenticarsi" di alcune leggi e non applicarle (tipo Rosarno negli ultimi anni).

Anonimo ha detto...

ottimo lavoro, con il tuo permesso lo diffondiamo anche sul blog dei Mille www.imille.org

Anonimo ha detto...

In Friuli Venezia Giulia lo scorso ottobre hanno approvato le "Norme per la valorizzazione della residenza e dell'attività lavorativa in Italia e in regione nell'accesso ai servizi dello stato sociale" ovvero la necessità di risiedere da almeno 5 anni nella regione per poter ottenere carte famiglia, bonus, rimborsi e tutti i vantaggi dei cittadini "autonomi".

Anonimo ha detto...

@anonimo delle 12.38

Il vero problema è che la Lega è al governo con berlusconi ormai da dieci anni, la bossi-fini è datata 2002, e i politici leghisti continuano a recitare la parte di quelli che ci mettono le mani per la prima volta. La stranezza è che nessuno chiede loro conto di niente.

daniele

ps. complimenti per il post gino

lavaligiadigiulia ha detto...

Complimenti per il bel lavoro di ricerca e raccolta.
Peccato che il risultato sia agghiacciante, sembra uno scherzo, non sembra possibile che siamo arrivati a tanto. é davvero triste e la cosa che non mi piace è che magari fino a 10/15 anni fa c'era chi avrebbe voluto queste misure ma c'era un minimo di pudore, uscirsene in pubblico con queste proposte sarebbe stato deleterio ed impossibile e oggi invece tutti insieme ad applaudire a questo triste razzismo.
Io mi vergogno.

jacktempesta ha detto...

http://jacktempesta.splinder.com

Anonimo ha detto...

Non metterei sullo stesso piano alcune evidenti discrminazioni (tipo aiuti economici per i figli solo agli italiani), con ordinanze che hanno semplicemente lo scopo di far rispettare le leggi (tipo irregolarità edilizie o il divieto di portare il burqa in pubblico). Il rischio di fare tutta un'erba un fascio è una confusione che rende difficile anche combattere contro le ingiustizie, oltre ad un certo "buonismo" che ormai è indigesto a quasi tutti.

Matteo Balocco ha detto...

Segnalo che anche il comune di Vercelli ha negato l'autorizzazione per la creazione di un centro culturale dell'associazione Assalam.
Qui alcuni spunti:
http://www.vercellicentro.it/dett_news.asp?id=3424
http://www.vercellicentro.it/dett_news.asp?id=3109

sacha ha detto...

mi sono permesso di pubblicarlo anche io
www.libreriabrac.net

milva ha detto...

ho linkato questa pag su facebook ( ma ho pochi amici) e girerò le info sulle mailing list ( sono iscritta a molte) grazie

Gino Selva ha detto...

Grazie a tutti per i commenti.
Non pensavo che il grafico potesse avere così successo.

Anonimo ha detto...

Ho mangiato non più tardi di due mesi fa un kebab nel pieno centro di Lucca........
Ma queste sono solo proposte o determinazioni effettive? Perchè mi sembra si sia fatto tutto un brodo......

Anonimo ha detto...

p.s. sempre in centro a Lucca (unica realtà di quelle proposte che conosca) ci sono altri ristoranti etnici...
Tutti regolamente aperti...

Gino Selva ha detto...

A Lucca il Comune ha deliberato per vietare l'apertura di nuovi ristoranti etnici. Quelli esistenti potranno restare.
http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2008/01/31/lucca-kebab-fuori-dalle-mura.html

effe ha detto...

Ma quante belle animucce... Peccato che viviate nel mondo dell'utopia. Bravi. Bravi.

Angela ha detto...

Un post serio e bellissimo. Posso riproporlo sul mio blog? dove sto trattando proprio il tema immigrazione, citando ovviamente la fonte.
Grazie.
Angela

Gino Selva ha detto...

@ Angela
Certo che puoi inserire il grafico nel tuo blog 'Pagine corsare'.
Se ti può interessare a giorni ne pubblicherà una versione concentrata solo sulla Lombardia, che è poi dove si concentra la maggior parte delle ordinanze.

Ciao